I racconti del uore.Ninuzza.

A piazza Garibaldi a Trapani.E’ una sera d’invermo.Una ragazzina,avvolta nel suo scialle che astento la protegge dalla tramontana,accanto al suo panchetto,vende mazzetti di viole:-Un sordu,signuri,un mazzetto un sordu-:Ma quella sera, i clienti a teatro Garibaldi sono pochi.Ninuzza ha la mamma ammalata e qualche soldo le farebbe comodo.Il papa’,partito per la Russia non ha dato piu’ notizie,anche se la guera e’ finita da un po’.Ma un uomo le si avvicina.Ha una divisa da soldato.E’ stracciata.Ha la barba.Allunga la mano che stringe un soldo.Quella mano,ha qualcosa di familiare.Santuzza alza gli occhi e lo guarda.Vede le lacrime scorrere.Un grido rienpie la piazza deserta:-Papa’,papa’ meu-:

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.