Quel gusto del grasso che ci ha reso umani.

Da studi fatti da una antropologa della Yale University ,si evince  che i nostri antenati Australopithecus che vagavano in Africa quattro milioni di anni fa ,mangiavano il midollo osseo di carcasse di animali uccisi da predatori piu’ abili di loro.In tal modo fornivano energia per sostenere il metabolismo di un cervello in espansione  in un ambiente povero di risorse.Con la successiva comparsa del genere Homo, il cervello avrebbe triplicato il volume di partenza di australopithecus gia’ il 30% piu’ voluminoso di quello di uno scimpanze’ della stessa taglia.Quindi schiacciando un osso con una semplice pietra ,i nostri antenati hanno dato il via all’evoluzione umana.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.