Il cervello impara in modo inatteso.

I neuroscienziati hanno scoperto  meccanismi inconsueti per creare nuovi ricordi. Si pensa che il pensiero sorga  nelle sinapsi che collegano i neuroni algli assoni  che portano i segnali nervosi.Ma i segnali arrivano da diverse parti del cervello.Recenti studi rivelano che l’apprendimento dipende anche dalla mielina , che pare non sia un semplice isolante degli assoni,ma regoli la velocita’ delle informazioni.Si ipotizza che farmaci che controllano la produzione di mielina possano trattare i disturbi neurologici.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.