Repetita iuvant.Il credere.

Occorre credere a tutto quello che e’ documentato.Quello che non e’ documentato,puo’ essere vero o falso.Il documento e’ un certificato redatto  e firmato da persone che direttamente o indirettamente sono pagate d<llo Stato.Eaempio di documento:1)una carta d’identita’;2)una bolletta delle tasse;3)un certificato medico,3) una carta moneta.Il documento deve essere repetibile a richiesta.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Analisi di un proverbio siciliano.

Ri chiddru chi bbiri pocu ci criri,ri chiddru chi ssenti un’cririri nenti.( Credi poco di quello che vedi,credi niente di quello che senti).E’ iuno dei proverbi piu’ saggi.Nella mia lunga vita ,ho avuto modo do constatare che il proverbio e’ azzeccato.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

E’ orrendo.

E’ orrendo che,mentre migliaia di italiani vengono cremati nelle loro bare,i loro rappresentanti,invece di rispettare un doveroso silenzio,si azzuffino in un’aula.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Raconti dell’West.La gattara.

In uno sperduto paesino dell’West,il sindaco e’ disperato.I briganti la fanno da padroni.Gli ultimi due sceriffi riposano sotto un palmo di terra.Si presenta una signora.E’ infuriata:nell’ultima sparatoria hanno ucciso il suo amato micio.Spara bene ed e’ decisa a fare piazza pulita dei briganti.Una stella ,paio di stivali e un cinturone ed il gioco e’ fatto.Dalla porta e’ entrata una mite signora ,ed esce la legge.I briganti si fanno delle larghe sghignazzate.Ma la bufera inizia.Una mira infallibile ed una tattica spietata riducono a mal partito i lestofanti.Presto in paese regna l’ordine.tutt’ora ,la valle e’ chiamata:Valle Gattara.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Analisi di un proverbio siciliano.

Cu chiu’ spenni menu spenni.( Chi piu’ spende meno spende).questo proverbio appare una contraddizione.Ma vuole dire che comprando la roba migliore ,si spende di piu’ ma si guadagna perche’ la roba buona dura di piu’ e serve meglio.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

I meccanismi della pubblicita’.

Nel commercio e nella politica,due sono i meccanismi che ci fanno  credere.1) Nel nostro programma genetico e’ marcata la figura del capobranco.A lui crediamo e lui seguiamo;2) il processo di immedesimazione.Quando vediamo qualcuno in televisione,succedono due cose:1) inizia il processo di immedesimazione,cioe’ “diventiamo”il personaggio che vediamo;2)Il personaggio che vediamo e’ il capobranco.Quindi avviene uno sdoppiamento:1) siamo il personaggio che stiamo vedendo sullo schermo e nello stesso tempo,2)quello che dice e’ come se lo dicessimo noi.E’ questa la forza della propaganda televisiva,sia politica che commerciale.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Analisi di un proverbio siciliano.

Iunciti cu li megghiu e pagaci i spisi.( Legati con i migliori e pagagli le spese).Questo proverbio consiglia di frequentare le persone migliori di se, da cui c’e’ sempre da imparare e, coccolarli magari pagandogli le spese.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il seme migliore della nostra specie.

Ho gia’ parlato del volontariato,ma voglio ancora esprimere la mia ammirazione.Pensate :gente che impiega gli anni migliori della propria vita ad aiiutare il prossimo .E’ il verbo di Cristo:ama il prossimo tuo come te stesso.Queste persone riscattano tutte le nostre malefatte.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

La benedizione del volontariato.

Mi scrive un gruppo di volontari.Mi dicono che le mie povere righe sono di aiuto per la loro generosa ed impagabile missione .Li ringrazio,ed aguro loro buon lavoro.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Rusina .

Rusina vendeva arancine al porto su una bancarella:-arancini cauri,signuri,arancini cauri,na lira(arancine calde,signori,arancine calde,una lira)-Era la guerra.Quando il sole tramontava,Rosina,dava un ultimo sguardo al mare nella direzione dove aveva visto sparire il suo angelo biondo mentre saliva sulla nave da guerra.Caricava il panchetto sulle spalle e tornava a casa.Tutti glielo dicevano:-non ci pensare piu’,e’ morto-A Capo Matapan ,la flotta era stata distrutta.Ma una sera,alla fioca luce dei lampioni,Rosina noto’ un brillio.Appoggio’ il panchetto sulla banchina e acui’ lo sguardo.Quel brillio era una chioma bionda ,la chioma del suo amore.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento